I vari tipi di aggressività

Vanno suddivisi in due gruppi: quello riguardante le interazioni fra cani e quello relativo all’interazione con l’uomo, anche se alcuni riguardano entrambi.

Aggressività da dolore fisico: tale forma di aggressività nasce come risposta a uno stimolo doloroso provocato volontariamente o involontariamente. Tale risposta sarà diversa secondo il temperamento del cane: se Molto dominante (MD) sarà molto violenta con morsi diretti al viso o al collo (aree vitali), Se Dominante (D), sarà violenta, con morsi alle braccia o alle gambe; se il soggetto è Sottomesso (S), guairà cercando di divincolarsi, se è Molto sottomesso (MS), guairà leccando la mano.

Aggressività da competizione per la femmina: questa forma di aggressività è completamente naturale e si manifesterà solo quando due o più maschi si troveranno a contatto con una cagna il calore. In tali situazioni, è consigliabile non intervenire, poiché i maschi “se la vedranno fra loro” senza particolari conseguenze fisiche.
L’aggressività da competizione per il cibo e quella per la difesa della prole, sempreché siano contenute nei limiti della fisiologia, sono forme di aggressività etologicamente motivate e naturali, ed esulano da queste considerazioni.

L’aggressività per la difesa del territorio, invece, può creare molti problemi in quanto il territorio è rappresentato dal giardino, dalla casa o dall’ambiente in cui vive il cane: se il cane è Molto dominante (MD) o Dominante (D), difenderà il territorio indipendentemente dalla volontà dei proprietari, creando quotidianamente delle situazioni ad alto rischio. I soggetti Sottomessi (S) tenderanno correttamente a difendere il territorio solo in situazioni di pericolo o quando i padroni non sono a casa, mentre quelli Sottomessi, Molto sottomessi (MS) o Inibiti (I) non creeranno certamente problemi legati all’aggressività, ma potranno crearne di opposti, accogliendo festosamente ladri o persone sgradite! Non è la prima volta che i ladri portano via refurtiva e anche il cane di casa!
L’aggressività da paura: un cane, dotato di scarso equilibrio psichico, in presenza di stimoli percepiti come stressanti (persone, rumori sconosciuti) può avere una reazione aggressiva, che sarà proporzionale al livello di squilibrio caratteriale.

Nello standard ufficiale di ogni razza canina sono esplicitate, accanto ai parametri fisici, anche le caratteristiche comportamentali e l’utilizzo. In nessuna razza canina figura, come dote richiesta, l’aggressività.
L’optimum per qualunque razza, dal barboncino al rottweiler, è sempre l’equilibrio psichico, mentre l’aggressività, manifestata durante le esposizioni cinofile, comporta la squalifica dalla gara.
Ciò significa che nessuna razza canina è aggressiva di per sé, ma che all’interno di ciascuna singola razza possono nascere individui esageratamente dominanti, che, a causa di ciò, siano inidonei a svolgere il compito per cui sono stati selezionati o che li rendono inadatti per qualsiasi utilizzo (paure o aggressività ingiustificate). Negli anni ’70, la nascita di soggetti esageratamente dominanti (MD) era molto limitata e i cani veramente ingestibili erano un’eccezione. Negli anni ’80 e ‘90, il loro numero è aumentato in modo esponenziale, interessando la maggioranza dei soggetti di una cucciolata. In tale periodo, la probabilità di avere nella famiglia un cane-problema era, conseguentemente, molto elevata, con le relative conseguenze: il cane era bravo, buono e affettuoso finché faceva quello che voleva, ma prendeva il controllo della famiglia e del territorio, mordendo chiunque lo contrariava o lo obbligava a qualcosa sgradito. Come ulteriore conseguenza, impediva l’accesso in casa a chiunque riteneva sgradito. I bambini erano, per forza di cose, i primi a subire la situazione, trovandosi a fortissimo rischio di morsicature. Fortunatamente, la situazione descritta è progressivamente diminuita negli ultimi dieci anni, restando, tuttavia, lontana dalla numerica fisiologica: i cani dominanti sono sempre troppi, ed è come se un esercito avesse più generali di soldati semplici!

Comments

comments

Visit Us On FacebookVisit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On Twitter