La storia di Roy

Mi capita spesso, attraverso SANYpet, l’azienda che ho fondato per realizzare in modo industriale le “ricette” che avevo elaborato durante la mia vita di veterinario clinico, di aiutare qualcuno che ha difficoltà per particolari situazioni. Ovviamente, se guardassimo tutto quello che succede in Italia, avremmo migliaia e migliaia di casi disperati da aiutare, specie per i cani abbandonati, ma dovremmo avere portafogli da Paperoni, cosa lontanissima dalla realtà. L’azienda sta in piedi e dà lavoro a molte famiglie, ma non ha mai distribuito un utile, questo perché le formule adatte a ridare salute ai nostri amici a quattrozampe sono realmente molto costose e non si può derogare dall’utilizzo di materie prime (pesce di mare, carne biologica e carne non derivante da allevamento intensivo) che costano due, tre o quattro volte di più di quelle tradizionali.

Un giorno di Gennaio 2014, mi sono imbattuto, su Facebook, nelle foto di un cagnone devastato dalla Leishmaniosi. Questo cagnone, di nome Roy, era stato raccolto randagio da un gruppo di volontari siciliani, che, con grande cuore e sensibilità, si dedicano a raccogliere e cercare di trovare famiglia ai cani abbandonati. L’aiuto richiesto era di ordine economico, e devo dire che avevo visto molte persone generose,magari anche con piccole offerte, dare il proprio contributo. Ho pensato di aiutare anch’io, e l’ho fatto proponendo di fornire gratuitamente una nostra formula, Immuno Active, che aveva dimostrato di poter riportare in equilibrio l’organismo nei cani devastati da questa orribile malattia, la Leishmania. Le cure farmacologiche attualmente in uso permettono di tamponare la situazione, ma non sono in grado di risultare determinanti, tanto che molti animali, anche se curati, muoiono inesorabilmente. Proprio l’assenza di cure efficaci (anche il vaccino attualmente sul mercato non sembra proprio essere la soluzione), mi aveva spinto a indagare se le nostre formule Forza10 Active, che tanti successi ci hanno permesso nel far regredire le più svariate patologie d’origine alimentare, potessero essere la base per affrontare questa temibilissima parassitosi.

Con l’aiuto del Dott. Gianandrea Guidetti, geniale farmacista conoscitore della fitoterapia e delle piante medicinali e responsabile del settore fitoterapia della Ricerca e Sviluppo abbiamo ideato e formulato Immuno Active, prodotto che abbiamo sottoposto al Dipartimento di Medicina Veterinaria di Napoli perché ne testassero l’efficacia (dott.ssa Laura Cortese) e la risposta del sistema immunitario (Dott.Giuseppe Terrazzano del Dipartimento di Scienze, Università della Basilicata). I risultati di due anni di studi, senza alcun intervento invasivo nei cani sottoposti allo studio, sono stati superiori a qualsiasi aspettativa, sia nei confronti del sistema immunitario, tornato alla normalità, sia per i risultati clinici, che hanno evidenziato un ritorno ad un aspetto da cani perfettamente normali. Forte di questi studi, ho messo a disposizione Immuno Active per Roy, e il cane, ridotto in condizioni pietose e con uno sguardo tristissimo e abbattuto, in un tempo inferiore ai quaranta giorni è ritornato perfettamente normale. Roy è stato sottoposto anche alla cura classica, ma chiunque si intenda della malattia, sa perfettamente che non è possibile ottenere risultati del genere con i farmaci, che, anzi, sono molto poco efficaci. Chi lo desidera, può andare a vedere il video su Facebook, è realmente impressionante.

Ma la storia non è finita. A fine Aprile, riunita tutta la famiglia, abbiamo deciso di adottarlo e, con una staffetta, lo abbiamo fatto venire a casa nostra dalla Sicilia (!) e da allora, dopo alcuni giorni in cui era spaesato e preoccupato, si è inserito a meraviglia pur avendo circa cinque anni e tutti gli vogliamo molto bene. Pensate che Roy non fa i suoi bisogni in giardino e li fa solo quando lo portiamo fuori a passeggio. Ho la fortuna di vivere in collina, e possiamo lasciarlo libero di correre ed esplorare la zona. Con gli altri cani è molto sereno, quando passa davanti a una casa nel cui giardino c’è un altro cane, non fa una piega, anche se l’altro abbaia furiosamente, ed è molto educato, sembra abbia studiato a Oxford! Sono convinto che continuando ad alimentarsi con Immuno, non avrà ulteriori problemi, ma, naturalmente, gli faremo esami periodici per controllare lo stato di salute. Viva il nostro re!

E la storia continua…

Sì, perchè in una grande famiglia come quella di FORZA10…..

Comments

comments

Visit Us On FacebookVisit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On Twitter